CIRCOLI AMBIENTE: Sì A TASSA SU BIBITE GASSATE, CIBI GRASSI ED USA-E-GETTA.

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

CIRCOLI AMBIENTE: Sì A TASSA SU BIBITE GASSATE, CIBI GRASSI ED USA-E-GETTA.

(25 agosto) – “Siamo favorevoli alla introduzione di una accisa su bibite gassate, cibi grassi ed usa-e-getta così come siamo stati favorevoli all’aumento delle tasse sui tabacchi: sarebbero misure pienamente in linea con la nostra proposta di introdurre in Italia una fiscalità ecologica, più attenta all’ambiente e capace di incentivare i comportamenti virtuosi a scapito di quelli negativi per la salute e l’ambiente”. È quanto ha dichiarato Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: “L’attuale crisi economica può essere superata solo se la classe politica attuale saprà dar vita alle riforme strutturali necessarie. Tra di esse, senza dubbio, vi sono quelle della introduzione nella nostra Carta Costituzionale di una forte tutela dell’Ambiente e dell’Ecosistema e quella della fiscalità ecologica, già in vigore in Francia: il sistema fiscale è a costo zero, perché raccoglie gli incentivi dal surplus di tassazione, e consente di orientare i consumi verso prodotti che rispettano elevati standard di protezione ambientale, consentendo così una minore spesa anche da parte dell’Amministrazione, che, ad esempio, otterrebbe un notevole risparmio sullo smaltimento dei rifiuti derivante dalla riduzione degli stessi, risparmio che dovrebbe reinvestire negli incentivi. In quest’ottica, anche l’aumento dei carburanti sarebbe tollerabile, se solo fosse immediatamente collegato ad un miglioramento dei servizi od agli incentivi all’acquisto di veicoli ibridi a gpl o metano ed all’adeguamento della rete di distribuzione. Certo è che se queste misure dovessero servire solo a rimpinguare ancora una volta le casse dell’Erario, esse andranno ancora una volta a comprimere i consumi ed aggravando il rischio della recessione. O, peggio ancora, potrebbero incentivare pratiche illegali come il contrabbando”.