Tag: unione europea

DIESELGATE, SERVONO PIU’ TRASPORTO PUBBLICO, PIU’ IBRIDO, PIU’ ALTA VELOCITA’ E PIU’ RICERCA.

DIESELGATE, SERVONO PIU’ TRASPORTO PUBBLICO, PIU’ IBRIDO, PIU’ ALTA VELOCITA’ E PIU’ RICERCA.

“Abbiamo preferito e preferiamo evitare di alimentare polemiche inutili: una questione gravissima e delicatissima come l’inchiesta sulle emissioni di sostanze inquinanti di milioni e milioni di automobili si sta trasformando in una farsa, in un processo sommario, mediatico e mondiale alla Germania.

Leggi il seguito di questo post »

SACCHETTI DI PLASTICA, NON BASTANO DIVIETI, SERVONO ACCISE SU USA E GETTA

CIRCOLI AMBIENTE: SACCHETTI DI PLASTICA, NON BASTANO DIVIETI, SERVONO ACCISE SU USA E GETTA.

“La direttiva europea che mira a ridurre l’uso dei sacchetti di plastica è assolutamente insufficiente:

Leggi il seguito di questo post »

SU CHERNOBYL DEMAGOGIA TUTTA ITALIANA, AUTORITA’ UCRAINE SONO ECCELLENZA MONDIALE

CIRCOLI AMBIENTE: SU CHERNOBYL DEMAGOGIA TUTTA ITALIANA, AUTORITA’ UCRAINE SONO ECCELLENZA MONDIALE.

 (30 aprile) – “Sono rimasto di stucco nell’apprendere la posizione espressa da alcuni rappresentanti del ‘vecchio ambientalismo’ sullo stato di analisi, studi e protezioni in merito al tasso di radioattività ancora presenta a Chernobyl: a nome dei Circoli dell’Ambiente esprimo e ribadisco la più ferma condanna verso ogni forma di demagogia! Una qualsiasi petizione indirizzata alla Unione Europea dovrebbe essere basata su dati di fatto e non su sensazioni e/o non conoscenze o conoscenze approssimative non chiaramente sostanziate. In altri termini, per avere la presunzione di fare una petizione del genere bisogna dare evidenze con documenti comprovati, firmati e convalidati da Enti ufficiali locali e di Stato formalmente addetti ai servizi ai quali si fa riferimento” ha dichiarato il Prof. Giuseppe Quartieri, Presidente del Comitato Scientifico dei Circoli dell’Ambiente, che duramente continua: “In Ucraina in particolare esistono centri di ricerca sulla radioattività estremamente avanzati che hanno da almeno venti anni fronteggiato, in prima linea e prima di tutto con il loro sacrificio diretto, gli effetti del disastro di Chernobyl, procurato, come da sentenza russa dichiarata, da una squadra di spavaldi che hanno eseguito una serie di esperimenti inconsulti che non sono riusciti a mantenere sotto controllo. Proprio recentemente i Centri Nucleari ucraini di ricerca, di analisi e di azioni correttive sugli effetti della radioattività hanno ricevuto, per alcuni giorni, una delegazione di esperti fisici e altri specialisti giapponesi che hanno ritenuto essenziale andarsi a consultare con gli esperti locali di radioattività ed effetti biologici relativi. Questo riconoscimento delle Autorità  Giapponesi delle competenze ucraini rispetto agli effetti degli incidenti di Chernobyl è un serio indicatore di qualità del lavoro ucraino. In ogni caso esistono e intervengono ufficialmente formalmente e periodicamente gli Enti Mondiali (IAEA, IARC ecc.) espressamente addetti allo scopo del controllo della radioattività nel mondo”.