FIMIANI (CIRCOLI AMBIENTE): REINTRODURRE INCENTIVI AL FOTOVOLTAICO PER DUE MILIONI DI FAMIGLIE.

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

PresentazionePEN22032017

 

« Un percorso iniziato oramai sette anni fa e che raggiungerà il suo apice mercoledì: alla Sala delle Conferenze Stampa della Camera dei Deputati presenteremo la sintesi di un lungo lavoro di riflessione ed elaborazione di dati scaturito in una proposta di Piano Energetico Nazionale che porterebbe, in un ventennio, a diminuire drasticamente le emissioni inquinanti in atmosfera, a ridurre i costi dell’energia ed a produrre 125 TW/h di energia elettrica in più rispetto ad oggi. È un Piano ambizioso che reintroduce gli incentivi al fotovoltaico ponendo loro un limite annuo: così facendo, in vent’anni due milioni di famiglie avrebbero un impianto fotovoltaico sul proprio tetto ed abitazioni energeticamente autosufficienti. A questa fonte, però, vanno affiancate quelle davvero alternative agli idrocarburi: è assolutamente necessario ripensare all’atomo e potenziare l’idroelettrico ». Sono le dichiarazioni di Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: « Negli ultimi anni il nostro Paese ha registrato una brusca contrazione dei consumi. Il costo dell’energia, per aziende e famiglie, è uno dei costi fissi che potremmo paragonare alle tasse: per attrarre investimenti stranieri e dar respiro al nostro tessuto produttivo occorre abbassare sia le seconde che i primi. Azzerare tale spesa con il fotovoltaico e ridurla drasticamente attraverso la reintroduzione del nucleare vuol dire rendere l’Italia una potenza economicamente competitiva: in assenza di tali misure, siamo destinati a rimanere indietro rispetto ai grandi produttori e trasformatori di materie prime e le nostre piccole e medie imprese rischiano di rimanere soffocate dalla stretta delle merci asiatiche »