CIRCOLI AMBIENTE: RISCHIO IDROGEOLOGICO INSOSTENIBILE, GOVERNO DIA RISPOSTE SERIE AL TERRITORIO.

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

CIRCOLI AMBIENTE: RISCHIO IDROGEOLOGICO INSOSTENIBILE, GOVERNO DIA RISPOSTE SERIE AL TERRITORIO.

 

<< La situazione idrogeologica italiana e del Lazio è diventata insostenibile. Dopo i violenti nubifragi avuti nei giorni scorsi, soprattutto nel frusinate, pare assolutamente necessario un intervento da parte del Governo e della Regione Lazio >>. A dichiararlo è Iris Pellegrini, vice presidente nazionale dei Circoli dell’Ambiente e della Cultura Rurale, che continua: << Per troppi anni è stata attuata un tipo di politica che ha posto in secondo piano la salvaguardia del suolo e del sottosuolo a discapito di noi cittadini: un ulteriore esempio di scempio politico amministrativo! Come si può credere che la sicurezza di noi cittadini non passi attraverso l’ambiente in cui viviamo? Siamo ciò che siamo grazie e soprattutto al nostro habitat, ma i dati parlano chiaro: il 98% dei comuni nel Lazio sono interessati da almeno un’area ad elevata probabilità di frana o alluvione. Lo dimostra il forte nubifragio che ha provocato gravi danni al territorio Ciociaro. La  provincia di Frosinone presenta, tra tutte le province laziali, la più alta percentuale di superficie occupata da aree di frana. Questo sottolinea la cattiva gestione regionale che si è perpetrata negli anni. Purtroppo ad aggravare il tutto dobbiamo aggiungere anche la complessità dell’iter procedurale tecnico-amministrativo che, ritardando le opere di bonifica, è causa dell’accrescimento dei danni a cose e persone. I vari campanelli d’allarme sono stati ignorati troppo a lungo. Ed oggi che la grande crisi ci limita e ci condiziona in tutte le scelte, è necessario venga concretizzata una politica che non ci privi della nostra sicurezza.  La politica ambientale della Polverini ha fallito in tutto: auspichiamo che almeno il Governo centrale dia risposte serie al territorio italiano de-burocratizzando l’iter procedurale per una veloce e repentina messa in sicurezza di territori >>.