CIRCOLI AMBIENTE: MAXI MULTA UE PER RIFIUTI, TERMOVALORIZZATORI UNICA ALTERNATIVA SERIA A DISCARICA.

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

CIRCOLI AMBIENTE: MAXI MULTA UE PER RIFIUTI, TERMOVALORIZZATORI UNICA ALTERNATIVA SERIA A DISCARICA.

 

(24 ottobre) – La Commissione Europea, su iniziativa del Commissario Potocnik, ha deferito l’Italia alla Corte di giustizia dell’Unione europea ed imposto una multa di 56 milioni di euro, oltre un’ammenda giornaliera fino alla regolarizzazione dell’infrazione.

“I termovalorizzatori sono, allo stato attuale, l’unica vera alternativa alla discarica per il trattamento del rifiuto indifferenziato: senza impianti Regioni come la Campania ed il Lazio non usciranno mai dalla crisi”. È quanto dichiarato da Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: “Il problema della sanzione europea è davvero l’ultimo nella scala dei valori: la priorità assoluta è risolvere una emergenza ambientale che rischia di compromettere la salute dei cittadini dei territori interessati. L’azione deve essere sinergica ed immediata: gli enti locali devono avviare un programma di gestione che porti la differenziata a livelli superiori al 70%, gli enti sovraordinati devono dare inizio alle procedure per la costruzione dei termovalorizzatori e degli altri impianti e lo Stato centrale deve incentivare le pratiche di riduzione del rifiuto ed avviare la riconversione degli impianti di produzione affinché ci si avvii verso una nuova rivoluzione industriale che rappresenti la vera green economy e consenta, di qui a qualche decennio, di ottenere che tutto quel che viene immesso nel commercio sia interamente riciclabile”. Per il terzo anno consecutivo i Circoli dell’Ambiente parteciperanno alla Settimana Europea di Riduzione del Rifiuto: “Crediamo nell’iniziativa ed anche quest’anno saremo in tutta Italia con i nostri Sportelli Informativi Ambientali per spiegare perché e come ridurre e differenziare i rifiuti distribuendo i materiali del progetto ‘Il Nostro Rifiuto, la Vostra Risorsa’, che presenteremo alla Camera il 22 novembre in conferenza stampa. Ma siamo consapevoli che tutte le pratiche virtuose messe in campo dai cittadini non saranno sufficienti: in Paesi molto più attenti alla tutela dell’ambiente si è arrivati ad una riduzione pari al 2%, percentuale irrisoria; in Italia possiamo arrivare a numeri ben più importanti e forse addirittura alla doppia cifra, perché produciamo davvero troppo rifiuti, ma ciò non renderebbe superflui gli impianti, come vorrebbero farci credere alcuni santoni”.