CIRCOLI AMBIENTE: SENZA TERMOVALORIZZATORI ROMA COME NAPOLI

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

CIRCOLI AMBIENTE: SENZA TERMOVALORIZZATORI ROMA COME NAPOLI.

 

(6 giugno) – “La necessità di attuare immediatamente misure-tampone non può essere messa in discussione, ma se manca la pianificazione, si rischia di trascinare il Lazio nella stessa situazione della Campania: un’emergenza infinita ed un susseguirsi di commissariamenti incapaci di risolvere definitivamente la situazione”. Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, denuncia ancora la mancanza di programmazione nella gestione dei rifiuti nella Regione Lazio: “Basterebbe cominciare ad attuare quanto stabilito nel Piano Regionale approvato pochi mesi fa, invece, senza termovalorizzatori, Roma rischia di fare la fine di Napoli: cumuli di rifiuti che, nella impossibilità di essere stoccati e soprattutto smaltiti, invaderanno le strade della capitale. Una soluzione c’è ed è la costruzione degli impianti necessari al completamento della intera filiera; a questo va affiancata immediatamente una azione di sensibilizzazione alla riduzione e differenziazione del rifiuto: le popolazioni locali dovranno fare la loro parte, ma sono soprattutto le Istituzioni a dover dare il buon esempio. Noi siamo contrari alle discariche e, consapevoli dei pericoli e dell’inquinamento che questo tipo di impianto comporta, ben comprendiamo e siamo vicini alle popolazioni locali che protestano per rivendicare il diritto alla salubrità dell’ambiente in cui vivono e di riflesso alla loro salute. D’altra parte” conclude Fimiani “i rifiuti dovranno essere stoccati da qualche parte e prima o poi un sito verrà individuato ed aperto, e magari ciò avverrà con l’intervento dell’esercito, come avvenuto in Campania: la nomina di Commissari che suggeriscono zone incompatibili non fa che allungare i tempi ed alzare la tensione”.

www.icircolidellambiente.it

https://circolidellambienteblog.wordpress.com/  (Blog dei comunicati stampa)

segreteria@icircolidellambiente.it