CIRCOLI AMBIENTE: FONDEREMO COMITATI “SÌ TAV”. VIOLENZA NON È DEMOCRAZIA: PUNIRE GLI AGITATORI.

di Circoli dell'Ambiente - Rassegna Stampa

CIRCOLI AMBIENTE: FONDEREMO COMITATI “SÌ TAV”. VIOLENZA NON È DEMOCRAZIA: PUNIRE GLI AGITATORI.

(27 giugno) – Si registrano ancora scontri in Piemonte, dove un gruppo di facinorosi continua a tentare di impedire i lavori del cantiere della TAV.

“Ancora una volta si invoca la democrazia per giustificare atti di violenza: è vergognoso che gruppi organizzati, non rappresentativi della maggioranza degli Italiani, tentino di imporre l’anarchia attraverso l’occupazione delle piazze e dei cantieri. Gli agitatori ed i violenti vanno individuati e puniti così come previsto dal nostro Codice Penale”. È durissimo l’attacco di Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: “L’entità degli investimenti nelle piccole e grandi infrastrutture, materiali ed immateriali, delinea il confine tra i Paesi che si costruiscono un futuro e quelli che lo subiscono: chi dice ‘NO’ alla TAV, al Ponte sullo Stretto, alle grandi arterie ed alle altre grandi opere è contrario allo sviluppo della nostra Italia!”. Infine l’annuncio: “Diamo ormai per scontata la costruzione della TAV Torino-Lione, che servirà a collegare l’Italia al resto d’Europa e consentirà di ridurre di tre quarti il traffico su gomma, ma non basta! È necessario collegare anche il Sud al resto d’Italia: non è tollerabile che, partendo da Napoli, per raggiungere Milano ci voglia meno tempo che per arrivare a Reggio Calabria! È per questo motivo che abbiamo deciso di fondare i “Comitati – Sì TAV”, che non si limiteranno al Piemonte, ma nasceranno in tutta l’Italia”.

presidente@icircolidellambiente.it

www.icircolidellambiente.it

www.ilnostrorifiutolavostrarisorsa.info